• Visualizza:
  • Commerciale
  • Pubblico
  • Ospedaliero
  • Religioso
  • Residenziale
  • Scolastico
  • Sportivo
  • Terziario
Finlandia/Kirjanpitäjänkuja  
Hannunkari & Mäkipaja

Kirjanpitäjänkuja Social Housing

In Finlandia, i diffusi processi di urbanizzazione degli ultimi anni hanno comportato un progressivo incremento dei costi delle abitazioni aumentando di conseguenza la difficoltà di accesso al mercato della casa per le fasce sociali più deboli.  Per soddisfare il crescente fabbisogno abitativo, molti studi di progettazione finlandesi si stanno specializzando nell’edilizia sociale: la sfida è realizzare interventi a basso costo di costruzione, gestione e locazione che tuttavia non rinuncino ad aspetti di qualità costruttiva e figurativa indispensabili per convertire una semplice «edilizia sociale» in «architettura sociale», secondo un approccio che contempla cioè non solo questioni funzionali ed economiche ma anche di identità e valorizzazione del luogo. Il complesso per social housing realizzato dallo studio Hannunkari & Mäkipaja rientra tra questi interventi.

L’area di progetto, situata in un anonimo quartiere nella zona di Suviniitty, limitrofa alla stazione centrale di Espoo, è come spesso capita in Finlandia direttamente confinante con una foresta: la natura è una presenza costante nella vita quotidiana e un interfaccia continuo rispetto all’abitato.

Il complesso presenta un semplice impianto a pianta curvilinea: due fabbricati adiacenti, impostati secondo lo stesso raggio di curvatura e interconnessi dalla copertura continua, si affacciano a ovest verso uno spazio cortilivo comune e a est sul fronte meno urbanizzato, in prossimità del bosco dove sono collocati i parcheggi. 

I fabbricati sono interrotti da un portico, che consente il collegamento diretto tra cortile interno e la zona del parcheggio, e apre la prospettiva dall’area cortiliva verso la foresta.

Gli edifici, di cinque piani, ospitano 112 appartamenti oltre a servizi quali tre saune, lavanderie, spazio polivalente e cantine, situati al piano terra. 

Per fare fronte alle diverse esigenze dell’utenza, composta sia da famiglie sia da persone singole, il taglio degli alloggi è variabile da 34 a 67 m2, in modo da ospitare da una a tre camere da letto, zona giorno e servizi. 

Gli appartamenti dispongono, vista la metratura di taglio medio – piccolo, di ampi balconi, di profondità non inferiore a 2,5 m, che si affacciano verso il cortile o verso la foresta, offrendo possibilità di godere dell’aria aperta in assenza di un giardino privato: i balconi vengono così dedicati ad area giochi o a piccoli orti per l’auto-produzione alimentare. La schermatura vetrata, molto frequente in Finlandia, è concepita per rendere fruibile i locali anche nella stagione più rigida e per agevolare la captazione solare invernale.

Il budget molto ridotto a disposizione ha indotto a prescegliere una tipologia costruttiva prefabbricata per le strutture a telaio in c.a.; le pareti murarie perimetrali sono invece state realizzate in opera. 

Il complesso dichiara un efficace linguaggio compositivo. Il fronte interno concavo è caratterizzato da un rivestimento in laterizio policromo, interrotto dalle balconate vetrate che compongono insieme alle porzioni murarie un vivace disegno «a scacchiera». Il fronte di curvatura esterna è invece connotato da un linguaggio più sobrio, in cui la rigorosa partitura delle finestre e dei balconi interrompe la continuità del prospetto in laterizio intonacato; su questo lato, i corpi ascensore vetrati provvedono all’immissione di luce naturale all’interno degli spazi distributivi.

Per vivacizzare l’immagine architettonica del complesso e conferirvi un’identità chiara, alcuni elementi «speciali» interrompono la rigorosa serialità prospettico-volumetrica a suggerire una lettura giocosa di spazi che per quanto razionali non rinunciano a un pizzico di divertimento: «scatole» colorate in verde brillante che ospitano alcuni balconi si stagliano vigorosamente dalla parete; murature curvilinee colorate racchiudono le saune al piano terra rendendole facilmente riconoscibili; un piccolo fabbricato dai toni verde acceso, collocato nel cortile, offre un riparo dalla pioggia nelle occasioni di incontro della comunità.

Il plusvalore dell’opera è insito nella particolare sensibilità con cui gli architetti hanno concepito un’idea di abitare che, andando oltre l’obiettivo del mero soddisfacimento di standard, sottende i valori di solida qualità costruttiva, grazie all’utilizzo di materiali affidabili come il laterizio, e di efficace caratterizzazione dell’architettura grazie a scelte progettuali semplici ma non banali che restituiscono a un luogo precedentemente privo di carattere una sua ben definita identità, fortemente riconosciuta dalla comunità locale.

Chiara Testoni
Dottoranda in Tecnologia dell’Architettura, Università degli Studi di Ferrara


Scheda tecnica

Oggetto: Social Housing
Località: Kirjanpitäjänkuja 7, Espoo
Committente: Housing Unit, Comune di Espoo
Progetto architettonico: Arkkitehdit Hannunkari & Mäkipaja
Gruppo di progettazione: Veikko Makipaja (main planner), Kristiina Hannunkari (supervising architect), Kirsi Rantanen (project architect), Petri Eurasto (landscaping)
Cronologia: 2009 – 2012
Superficie: 9.000 m2
Fotografie: Mikael Linden

contentmap_plugin