Gestione dell’informazione tecnica con virtual reality e augmented reality

La realtà aumentata (RA) consente di posizionare oggetti virtuali nel mondo reale migliorando e aumentando le informazioni disponibili. Una dimostrazione di applicazione di RA su un edificio è stata effettuata al SAIE 2016, in una collaborazione tra ANDIL e Politecnico di Milano.

 

Una delle novità introdotte nella piazza del Laterizio e della Ceramica per la fiera SAIE 2016 di Bologna è stata l’applicazione della realtà aumentata alla gestione dell’informazione tecnica di sistemi e prodotti da costruzione. 

Il progetto, nato dall’esercitazione del corso di Ergotecnica Edile del prof. Giuseppe M. Di Giuda del Politecnico di Milano, si è sviluppato nell’ambito di un collaborazione tra ANDIL (Associazione Nazionale degli Industriali dei Laterizi) e Politecnico(1).

In questi ultimi anni la tecnologia ha fatto passi importanti. Anche nel quotidiano abbiamo potuto sperimentare l’Augmented Reality e la Virtual Reality, basti pensare ai videogiochi di ultima generazione e agli Oculus, che rendono possibile, con strumenti alla portata di tutti (tablet o smartphone) esperienze immersive.

È opportuno, innanzitutto evidenziare le differenza tra le due tecnologie:

- la realtà aumentata (AR) è una tecnologia che rende possibile il posizionamento di oggetti virtuali nel mondo reale in tempo reale, migliorando e aumentando le informazioni su ciò che ci circonda. Questa tecnologia sovrappone a ciò che si trova nell’ambiente reale, immagini che non esistono realmente e che vengono aggiunte tramite software e percepite dagli utenti attraverso dispositivi indossabili (smart glasses) o dispositivi comuni come smartphone o tablet. Un esempio può essere la App PokemonGo, che sovrappone all’immagine della fotocamera dello smartphone oggetti tridimensionali virtuali...