• Visualizza:
  • Commerciale
  • Pubblico
  • Ospedaliero
  • Religioso
  • Residenziale
  • Scolastico
  • Sportivo
  • Terziario
Australia/Brisbane  
James Russell Architet

Bisley Place House a Brisbane

Siamo a pochi chilometri dal mare, a sud del Brisbane, fiume che dà il nome al capoluogo del Queensland, nel sobborgo di Wakerley, pertanto nella conurbazione della terza città più popolosa d’Australia, in un’area metropolitana di circa 2 milioni di abitanti. Brisbane ha ospitato i Giochi del Commonwealth nel 1982, l’Esposizione Universale nel 1988 e nel 2009 è stata anche dichiarata sedicesima città tra le più abitabili nel mondo. La casa si trova all’interno di un nuovo quartiere residenziale, in un’immensa distesa di blocchi unifamiliari che determinano comunque un ordinamento estensivo, pieno di verde, ma non organizzato in un impianto con una regola prospetticamente definita.La planimetria a «C» definisce precisamente la casa che si sviluppa attorno a un cortile, chiuso da un muro sul quarto lato.

Gli ambienti sono stati concepiti per essere completamente aperti, sia verso il cortile, sia verso la strada: i vani sono dotati di bianchi e voluminosi tendoni impermeabili di cotone indiano che fungono anche da zanzariere e hanno finestre scorrevoli, che inquadrano, schermano, o racchiudono la quasi totalità degli affacci. Pertanto quando la casa è aperta, funziona come un portico articolato, ove la vita familiare si proietta al di fuori, rendendo facile il rapporto con la comunità circostante e, a maggior ragione, il rituale della cucina e dei pasti, che può avvenire a contatto con l’esterno, incoraggia i proprietari (una coppia con due figlie) a socializzare regolarmente con i vicini.

Attraverso un semplice portoncino, collocato su un lato dell’edificio, si accede all’androne-tinello, locale che divide la cucina (con lavanderia) dalla doppia autorimessa; poi, il cortile a pianta quadrata, protetto sul perimetro da un generoso sporto di gronda del tetto, distribuisce gli altri locali, l’area soggiorno e il braccio che comprende le tre camere da letto (affacciate sul prato e sulla piscina rettangolare) e altri spazi passanti per il riposo e il gioco all’aria aperta. Il collegamento senza soluzione di continuità da una stanza all’altra rende la casa funzionale, evitando lo spreco dello spazio.

I materiali utilizzati per le finiture sono il mattone a vista, scelto in una qualità vetrificata lucida di colore nero, che conferisce una sottile lucentezza setosa alle facciate esterne; le pannellature verniciate in fibrocemento che ricoprono le pareti interne; due specie di legni trattati a doghe, per pavimentare i camminamenti all’aperto o a perline per rivestire porzioni di parete. Inoltre, sotto il tetto spiovente che ricopre i tre bracci della costruzione, è stato ricavato un piano soppalco, praticabile lungo la parte più alta a corridoio, illuminata a soffitto da un lucernario: lo spazio è utilizzato come deposito e, grazie al legno dell’intelaiatura a vista e dei rivestimenti che garantisce qualità al suono, anche come studio musicale per i residenti.

Il progetto di James Russell, «emergente» progettista australiano, recente vincitore del «AIA Robin Dods Award & Houses Award Australian House Of The Year», è stato altresì concepito con particolare attenzione verso i temi della sostenibilità: la scelta del rivestimento di mattoni crea infatti una sorta di «pila termica» per l’accumulo e il lento rilascio del calore; l’intercapedine inclinata del tetto funge da camera d’aria e da protezione dei locali sottostanti, mantenendo nelle camere una temperatura uniforme; il serbatoio di acqua interrato, i pannelli solari sul tetto e l’illuminazione a LED consentono poi di ridurre il consumo di energia. 

Roberto Gamba
Architetto, libero professionista


Scheda tecnica

Oggetto: Bisley Place House a Brisbane
Località: Wakerley – Brisbane
Progetto architettonico: James Russell Architet
Progetto strutturale: drian Din
Impresa edile: Build Restore – Crocker Builders
Cronologia: 2013
Superficie: 258 m2
Fotografie: Toby Scott

contentmap_plugin