Italia/Forlì-Cesena  

Progetto casa sicura con SIMTECH

 

 

 

SIMTECH, prodotto da Fornace di Fosdondo sc, è un sistema innovativo in grado di coniugare sicurezza, prestazione termo acustica e velocità di posa.
Il sistema, adatto a ogni zona sismica, è basato sul concetto del setto portante in calcestruzzo armato. SIMTECH è composto da elementi in laterizio forato riempito con isolante (EPS con grafite) che vanno a formare la parete esterna e interna del fabbricato e da tiranti in materiale plastico che in fase di montaggio distanziano e allineano i blocchi in laterizio; nell’intercapedine così creata tra blocco interno ed esterno (da 15 cm o 20 cm a seconda dei requisiti di progetto) trova alloggio l’armatura e il getto in calcestruzzo.
Si tratta a tutti gli effetti di un cassero a perdere in laterizio isolato. Il calcestruzzo penetra e lega a sé i blocchi in laterizio, formando un corpo unico, eliminando ogni problematica di eventuale ribaltamento sotto l’azione del sisma. L’assemblaggio degli elementi avviene completamente a secco. Nel sistema non è previsto l’uso di pezzi speciali in quanto, vista la geometria del blocco e il numero di alloggi per i tiranti in plastica, è agevole tagliare in cantiere i blocchi, se e quando necessario, sia in senso orizzontale sia verticale a seconda delle varie esigenze.
Le fase di posa prevede alcune semplici operazioni: fissaggio della rete di armatura ai ferri di ripresa della fondazione, stesura, a livello, del primo corso di laterizio interno ed esterno e poi proseguire in altezza inserendo due tiranti per ogni blocco, gettare il calcestruzzo ogni 1,5 metri in altezza: si ottiene così una costruzione veloce e pulita. A seconda dei parametri progettuali si potranno ottenere murature di diverso spessore (da 31 a 48 cm) e conseguente prestazione termica e acustica. Per esempio il muro di spessore 48 cm raggiunge una massa superficiale di 624 kg, U=257 W/m2K e capacità termica areica interna 53,2 kJ/m2K.

Dettaglio di cantiere
Il sistema SIMTECH è stato scelto per una nuova costruzione abitativa realizzata a Capocolle di Bertinoro (FC). Un intervento che rientra nell’ambito della redazione di un regolamento per la bioedilizia e il risparmio energetico, i cui principi esprimono la necessità di ridurre i consumi energetici del patrimonio edilizio, ponendo l’accento sulla salvaguardia dell’ambiente, sulla riduzione del consumo di risorse naturali e sull’esigenza di diminuire gli impatti ambientali. La tecnologia costruttiva è costituita da: pareti perimetrali in calcestruzzo armato colato all’interno di casseri a perdere costituiti da elementi in laterizio forato riempito di isolante EPS grafitato (sistema SIMTECH), solai di tipo latero cemento e copertura in travi di legno. L’impiantistica prevede il recupero e il riutilizzo delle acque piovane, sistema di ventilazione meccanica con recupero di calore, pompa di calore, riscaldamento con pavimento radiante, impianto solare termico e impianto solare fotovoltaico (4.5 kWp). È stato quindi possibile raggiungere una classe energetica A+ e l’acquisizione di un incentivo di superficie del 10% previsto dal regolamento edilizio.

 

 

 


Scheda tecnica

Località: Capocolle, Bertinoro, FC
Classe energetica: A+
Proprietà: Davide Maltoni e Cristina Borghesi
Progettista architettonico: Arch. Massimo Talacci
Progettista strutturale: Ing. Rosario Grillo
Progettista degli impianti: Arch. Massimo Talacci
Impresa di costruzione: Venzi Rino & C s.n.c.
Azienda fornitrice: Fornace di Fosfondo

contentmap_plugin