Interoperabilità nel processo costruttivo

In questo manuale si afferma che il BIM non è uno strumento singolo, ma un insieme di attività complementari per gestire progettazione e costruzione.

Il volume è articolato in quattro parti. I primi capitoli espongono lo stato attuale del settore delle costruzioni, i vantaggi potenziali del BIM; spiegano le tecnologie di supporto, tra cui la modellazione parametrica degli edifici e l’interoperabilità.

Altri capitoli sono rivolti alle applicazioni disciplinari specifiche per committenti, progettisti, appaltatori, subappaltatori e produttori; quindi si delineano i potenziali futuri effetti di un approccio integrato di questo tipo, tra progettazione, costruzione e gestione degli edifici. Degli autori, i primi tre insegnano in università americane; Liston dirige un’impresa di costruzioni e un’azienda informatica. 

I curatori di questa edizione nazionale, che insegnano al polo di Lecco del Politecnico di Milano, considerano le specificità culturali di approccio al BIM negli Stati Uniti e si interrogano su quale potrà essere la «via italiana» alle nuove procedure.

Dei 12 casi esemplificativi proposti, articolati in studi di fattibilità, progettazione concettuale, di dettaglio, preventivi, coordinamento, pianificazione, logistica e in altre attività costruttive, alcuni sono progetti architettonici e strutturali importanti, altri sono edifici comuni; tre sono casi milanesi (Duomo, Torre Allianz, Residenza assistenziale).


Il Bim. Guida completa al Building Information

Autore: Chuck Eastman, Paul Teicholz, Rafael Sacks, Kathleen Liston Giuseppe Martino Di Giuda, Valentina Villa
Editore: Hoepli (Milano)
Anno: 2016
Pagine: 755
Prezzo: € 79,90

 

 

Roberto Gamba
architetto libero professionista