• Visualizza:
  • Commerciale
  • Pubblico
  • Ospedaliero
  • Religioso
  • Residenziale
  • Scolastico
  • Sportivo
  • Terziario
Finlandia/Oulunsalo  
ALT Architecs

Scuola elementare Niemenranta

La scuola elementare Niemenranta è situata in una zona di espansione residenziale del Comune di Oulunsalo, centro finlandese di quasi 10.000 anime a pochi chilometri da Oulu, la «Silicon Valley del Nord» in cui Alvar Aalto nel 1930 realizzò la Fabbrica «Toppila Oy», successivamente nota come «Kajaani Oy». Seppure scontato, il riferimento a Aalto non è casuale, perché i materiali e le forme dell’edificio sono chiaramente riconducibili all’architettura del grande maestro finlandese. C’è però anche altro. Sono infatti leggibili alcuni riferimenti al movimento regionalista finlandese a matrice post moderna, la cosiddetta «Scuola di Oulu», che negli anni Settanta e Ottanta ebbe un forte impatto sullo stile degli edifici pubblici della Finlandia settentrionale.

La «Scuola di Oulu» abbandona il modernismo puro e distaccato per sostituirlo con un’architettura calda e umana, in grado di relazionarsi armonicamente con il paesaggio, il clima e la cultura locale. Non a caso tra i materiali principalmente utilizzati dalla «Scuola di Oulu» vi è il laterizio. Sebbene l’edificio scolastico di ALT Architecs sia lontano dal romanticismo talora eccessivo della «Scuola di Oulu», il progetto scaturisce dalla stessa matrice ideologica.

Il plesso scolastico è composto di tre parti: la scuola dell’infanzia a sud, la scuola superiore (destinata agli studenti tra i 12 e i 15 anni) a nord e, come elemento di connessione, la nuova scuola elementare destinata a 300 alunni. Sebbene il plesso scolastico venga utilizzato per attività educative, esso è stato pensato per rappresentare anche un luogo di aggregazione per la comunità: in Finlandia, molte piccole municipalità sono provviste di una biblioteca o di una scuola pubblica che, oltrepassando la funzione originaria, fungono da importante centro laico di aggregazione e d’incontro.

La forma dell’edificio rappresenta una sintesi tra obiettivi funzionali e volontà di integrazione urbana. Planimetricamente la solida geometria che caratterizza la soluzione distributiva della scuola viene interrotta e contenuta da una linea spezzata perimetrale. 

Tale linea, un muro di mattoni in laterizio faccia a vista, si rivolge verso le aree pubbliche sottolineando in maniera efficace la funzione civica dell’edificio, mentre gli spazi interni sono caratterizzati da facciate rivestite da pannelli. L’involucro in laterizio è la sintesi dell’idea che l’edificio vuole trasmettere all’esterno conferendo alla scuola un’atmosfera decisa, pubblica e urbana. Inoltre, mentre i piccoli e riservati cortili della scuola sono orientati a sud, il grande «foglio» di mattoni realizza uno scudo protettivo rispetto alle fredde brezze provenienti da nord, favorendo un microclima interno mite e proteggendo sia le più fragili facciate in legno, sia i bambini.

In una dialettica spaziale vengono semantizzate le funzioni e le parti componenti, conferendo identità agli spazi primari e a quelli accessori, a quelli di distribuzione e connessione, alle articolazioni e alle gerarchie funzionali e strutturali. In linea con la migliore tradizione organica scandinava, il materiale svolge un ruolo fondamentale nel suo essere espressivo. Il laterizio è familiare all’architettura di ALT Architects perché, anche se ovviamente non costituisce l’unico materiale dell’edificio, è senz’altro quello a cui l’immagine si lega con più forza essendo stato impiegato per l’involucro, protagonista dell’equilibrio ricercato dai progettisti con il paesaggio circostante.

La parte più interessante della scuola dal punto di vista spaziale è costituita dall’entrata principale con gli spazi comuni a essa collegati: quest’ultimi sono caratterizzati dal chiarore delle pareti e dal soffitto dove si esplicita una trama rigata di elementi con finalità acustiche ed espressionistiche. I colori brillanti completano le aule e i corridoi. Il progetto riesce a essere audace e moderato allo stesso tempo: attraverso l’uso responsabile delle finanze pubbliche pur con budget limitato, è stato realizzato un edificio pubblico che la comunità ha accolto con entusiasmo.

Adolfo F. L. Baratta
Ricercatore, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Roma Tre


Scheda tecnica

Oggetto: Scuola elementare Niemenranta
Località: Oulunsalo (Finlandia)
Committente: Comune di Oulunsalo/Jouko Leskinen
Progetto architettonico: ALT Architecs+ Architecture Office Karsikas
Collaboratori: Martti Karsikas, Kalle Vahtera, Antti Karsikas, Ville-Pekka Ikola
Progetto strutturale: Kalevi Säkkinen
Progetto impiantistico: Kari Sarkkinen, Lauri Palosaari
Progetto interni: Kati Ervasti
Cronologia: 2012
Superficie: 3.670 m2
Fotografie: Ville-Pekka Ikola, Kalle Vahtera

contentmap_plugin